La dermatite atopica dell'adulto

Ven, 13/02/2015 - 13:00
eczema atopique de l'adulte

La dermatite atopica non è solo una dermatosi pediatrica. Sebbene inizi praticamente sempre in tenera età, e spesso prima dei due anni, non scompare sempre prima dell'adolescenza e dell'età adulta. Si stima che il 10% circa dei pazienti continuino a soffrire delle manifestazioni dell'eczema in età adulta. In un certo numero di casi, quest'eczema resta preoccupante, e può causare problemi difficili  [1], [2].
La dermatite atopica dell'adulto è spesso una dermatosi grave, con placche d'eczema cronico, rosse, spesse, lichenificate, a volte con papule isolate di prurigo. Su questo fondo d'eczema cronico insorgono delle esacerbazioni acute, vescicolose o essudanti. Il prurito è sempre intenso, ostacolando la vita quotidiana, il morale, il sonno, le attività. Le localizzazioni sono diverse da quelle della dermatite atopica infantile.  Le mani, il volto, in particolare le palpebre, sono i punti più colpiti, insieme alle grandi pieghe, e eventualmente anche le altre parti del corpo. Le esacerbazioni infiammatorie possono colpire tutta la cute. In questo caso si parla di eritrodermia, una patologia grave, in grado di complicarsi con infezioni e alterazioni metaboliche, che richiedono un ricovero. 

 

dermatite atopica dell adulto palpebre photo

Figura 1: La dermatite atopica dell'adulto colpisce spesso le palpebre. E' una zona in cui l'uso dei dermocorticoidi deve essere fatto con molta attenzione. E' necessario essere seguiti da un oftalmologo.
Le complicanze però sono molto rare.

Dermatite atopica del volto adulto foto

Figura 2: Dermatite atopica del volto, con una importante cheilite.

E' veramente una dermatite atopica?

Davanti ad un eczema dell'adulto, bisogna chiedersi se si tratta di una dermatite atopica o di un altro tipo d'eczema, oppure d'una dermatosi che assomigli all'eczema.

Se la malattia risale all'infanzia, si associa a delle manifestazioni respiratorie atopiche, come delle allergie digestive, se è clinicamente tipica, con forma d'eczema cronico spesso, lichenificato, con a volte delle esacerbazioni essudanti, la diagnosi può essere considerata certa.
Ma se è insorta recentemente, se i segni clinici non sono tipici, bisogna chiedersi se si tratti di un'altra dermatosi (eczema da contatto, rogna demodettica, linfoma , etc). Si può ricorrere ad una biopsia cutanea per determinare che sia eczema, o un dosaggio delle IgE, dei test di contatto per scartare un eczema allergico da contatto, di cui riparleremo.

foto adulto Eczema cronico tipico, con lichenificazione

Figura 3: Eczema cronico tipico, con lichenificazione quadrettata, con esacerbazione acuta essudante, possibilmente sovrainfetta.

foto dermatite atopica dell adulto eczema cronico

Figura 4: Aspetto tipico dell'eczema cronico.

Irritanti

La cute atopica è particolarmente sensibile, e stimoli apparentemente banali possono scatenare delle crisi di prurito e delle esacerbazioni d'eczema. E' il caso degli irritanti, come alcuni prodotti d'igiene o cura come saponi comuni o disinfettanti. Si consiglia d'usare solo dei prodotti per le pelli atopiche, secche, sensibili, e di testarne la buona tolleranza, utilizzandoli per esempio su di una zona limitata.
Esistono delle variazioni individuali che non si possono prevedere.  Bisogna fare attenzione anche ai vestiti, i detersivi e gli additivi. Il maglione di lana a collo alto scatena classicamente il prurito. Si consiglia l'uso di ammorbidenti, non dimenticare di fare un attento risciacquo dopo l'uso dei detergenti.

Allergie da contatto

Quando una dermatite atopica non reagisce bene al trattamento, bisogna pensare ad un eczema allergico da contatto sovrapposto.

E' una diagnosi difficile, perché su di un fondo d'eczema cronico l'eczema da contatto può sfuggire, ma è una diagnosi utile, perche se si elimina la causa di una allergia da contatto, l'eczema migliorerà.

Le cause principali d'eczema allergico da contatto sono:

 

  •     Il nickel contenuto nei metalli dei gioielli di bigiotteria, stanghette degli occhiali, telefoni cellulari;
  •     I conservanti (soprattutto gli isotiazolinoni) le salviette umidificate, i cosmetici, i prodotti per l'igiene;
  •     Raramente altri componenti dei cosmetici come i profumi, o anche alcuni filtri solari;
  •     Gli oli essenziali di alcuni cosmetici detti «bio», che non garantiscono assolutamente l'ipoallergenicità;
  •     Raramente i vestiti;
  •     Le scarpe (cromo del cuoio, colle).
  •     Anche i dermocorticoidi possono essere allergizzanti, e quest'allergia è particolarmente ingannevole.

Quando si sospetta un'allergia da contatto, si consiglia di realizzare dei patch-test, o degli epidermotest. Un patch-test positivo identifica a colpo sicuro il responsabile d'un eczema allergico da contatto. Ma si può anche solo parlarne con il paziente, evitare il prodotto sospetto per poi eventualmente re-introdurlo. 

Infezioni

La dermatite atopica ha un rapporto particolare con i microbi che colonizzano la cute, che si chiama il microbiota. L'eczema essudante causa una rottura dell'equilibrio normale tra i batteri inoffensivi (commensali) e i batteri patogeni.

Gli stafilococchi aurei sono responsabili delle infezioni e sono anche associati alle esacerbazioni infiammatorie, anche se non sono clinicamente sovrainfette. Per questo, spesso, si richiedono delle misure anti-infettive.

L’infezione da virus herpes è spesso molto grave nelle persone atopiche,  e si presenta con pustole che possono lasciare delle cicatrici simili a quelle della varicella o del vaiolo.

Un caso particolare: la dermatite «testa e collo»dermatite atopica testa e collo adulto foto

Tra gli atopici adulti, è stata identificata una forma particolare d'eczema che colpisce in modo esclusivo o prevalente il volto e il collo. Gli anglosassoni parlano di «head and neck dermatitis».

Davanti ad una dermatite atopica «testa e collo», bisogna cercare una fotosensibilizzazione, rara nella dermatite atopica (al contrario, il sole è spesso benefico) che si riscontra a volte: bisogna diffidare anche di una fotosensibilizzazione dovuta ad alcuni farmaci (antistaminici).

Ma conviene anche cercare un'infezione da lieviti tipo Malassezia, ed eventualmente applicare un trattamento contro i funghi.

Il trattamento è realizzato correttamente?

E' noto che il trattamento standard della dermatite atopica implica:

  •     delle misure igieniche leggere
  •     un trattamento emolliente giornaliero, di considerevole importanza (crema idratante di nota composizione, di nota efficacia, gradevole da usare)
  •     un trattamento antinfiammatorio topico (dermocorticoidi e a volte tracrolimus) durante le esacerbazioni e eventualmente come prevenzione delle esacerbazioni.

Questo trattamento locale non è facile né da capire né da applicare e la sua prescrizione deve essere accompagnata da misure d'informazione-educazione, orali e scritte.

Questo trattamento «standard» è molto efficace, se ben accettato, ben compreso e ben realizzato.
Per cui, quando si parla di dermatite atopica resistente al trattamento, prima di pensare a cambiare il trattamento e di passare a quelli più  «pesanti», bisogna essere certi che il trattamento sia stato realizzato correttamente.

Gli ostacoli sono molti, il principale è una errata comprensione dell'interesse dei dermocorticoidi.
Bisognerà dunque assicurarsi che il paziente applichi correttamente le quantità necessarie (per un adulto in periodo di esacerbazione, sino a 100 g al mese di un dermocorticoide potente), per poi ridurle progressivamente per mantenere il buon risultato con un consumo minimo di dermocorticoidi. E' difficile essere più precisi perché dipende dai pazienti, dalla superficie colpita e dallo stato clinico, ma la cosa principale è avere un buon risultato clinico e un consumo limitato d'anti-infiammatori.
L’uso giornaliero abbondante d'un emolliente efficace, ben tollerato e gradevole da usare è un elemento prezioso per ottenere questo risultato.

Molto utili sono le dimostrazioni pratiche, come le sedute d'educazione terapeutica svolte nell'ambito dei Workshop dell'Atopia. Inoltre, un breve ricovero, anche in day hospital, può totalmente trasformare l'evoluzione d'una dermatite atopica. I pazienti possono così imparare bene le tecniche delle cure, per esempio i bendaggi occlusivi (materiale plastico) indicati per le lesioni spesse.

La situazione è sufficientemente grave per giustificare un trattamento generale?

Vi sono, comunque, dei casi e delle situazioni in cui questo trattamento non basta, in cui lo SCORAD resta elevato, in cui l'eczema pesa dolorosamente sul morale e sulle attività quotidiane, in cui bisogna fare di più [3].

 

Fototerapie

Spesso si propone una fototerapia [4]. Il principio delle fototerapie è quello d'esporre i pazienti a dei raggi ultravioletti, che svolgono un'azione anti-infiammatoria sulla cute, oltre alla loro ben nota azione pigmentogena.
Nel caso della dermatite atopica, si usano gli UVB, o anche l'associazione d'UVA e UVB, ed anche la classica  PUVA terapia.
 Una prima serie di una ventina di sedute su 6 / 8 settimane da già dei buoni risultati, e in seguito si possono diradare le sessioni.
 Queste fototerapie praticate da dermatologi specializzati sono ben diverse dai «lettini abbronzanti» sconsigliati. 

Trattamenti  farmacologici generali

I corticoidi per via orale, gli immunosoppressori, hanno una buona efficacia sulla dermatite atopica.
Sono comunque dei farmaci che, se usati sul lungo termine, espongono a degli effetti collaterali che possono essere più gravi della stessa malattia.

E' opinione comune che i corticoidi orali siano veramente controindicati nella dermatite atopica, perché gli effetti collaterali e la cortico-dipendenza, sono inevitabili. Inoltre, oggi si possono avere dei buoni risultati immediati con una forte corticoterapia locale.  

La ciclosporina può essere indicata in casi rasi di dermatite atopica particolarmente grave. La dose abituale è di circa 2 à 3 mg/kg/j [5]. Bisogna tenere sotto stretto controllo la tensione arteriosa e la funzione renale, oltre alle costanti biologiche standard. Il trattamento verrà prescritto solo per qualche mese, e sin dall'inizio bisogna prepararsi a gestire il «dopo ciclosporina» riprendendo con assiduità il trattamento standard. La ciclosporina consente dunque di «superare una fase» ma purtroppo non di guarire definitivamente la DA, obiettivo attualmente impossibile.

Il methotrexate [6] viene preferito da alcuni medici e per alcuni pazienti alla ciclosporina. La dose abituale di circa 15 mg a settimana, per via orale o parenterale. Essenzialmente bisogna tenere sotto controllo il fegato. Anche qui, si possono prevedere alcuni mesi di trattamento per superare una esacerbazione intensa, prima di ritornare al trattamento standard.

Si possono utilizzare anche altri immunosoppressore, come l’azatioprina. Ma l'esperienza, al riguardo, è più limitata.    

Alla punta della ricerca

Come si può vedere, il trattamento della dermatite atopica, soprattutto le forme gravi dell'adulto, non è soddisfacente.

Infatti le ricerche sono ancora in corso, e per il futuro ci si può aspettare nuovi trattamenti più efficaci e d'uso più sicuro.

Recentemente, si è visto che un anticorpo monoclonale rivolto verso le interluchine 4 e 13, mediatori importanti dell'infiammazione atopica, è stato in grado di migliorare la dermatite atopica  [7], e anche alcuni tipi d'asma. Ma sembra che non si possa parlare di un trattamento «miracoloso». Probabilmente è un nuovo modo per superare un momento difficile. 

Scaricare in formato pdf: PDF iconla-dermatite-atopica-dell-adulto.pdf

Referenze

  • [1] de Bruin Weller MS, Rockmann H, Knulst AC, Bruijnzeel-Koomen CA. Evaluation   of the adult patient with atopic dermatitis. Clin Exp Allergy. 2013 Mar;43(3):279-91.
  • [2] Ellis CN, Mancini AJ, Paller AS, Simpson EL, Eichenfield LF. Understanding and managing atopic dermatitis in adult patients. Semin Cutan Med Surg. 2012 Sep;31(3 Suppl):S18-22.
  • [3] Simon D, Bieber T. Systemic therapy for atopic dermatitis. Allergy. 2014 Jan;69(1):46-55.
  • [4] Garritsen FM, Brouwer MW, Limpens J, Spuls PI. Photo(chemo)therapy in the management of atopic dermatitis: an updated systematic review with implications for practice and research. Br J Dermatol. 2014 Mar;170(3):501-13.
  • [5] Schmitt J, Schmitt N, Meurer M. Evaluation Cyclosporin in the treatment of patients with atopic eczema - a systematic review and meta-analysis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2007 May;21(5):606-19.
  • [6] Deo M, Yung A, Hill S, Rademaker M. Methotrexate for treatment of atopic dermatitis in children and adolescents. Int J Dermatol. 2014 Aug;53(8):1037-41.
  • [7] Beck LA, Thaçi D, Hamilton JD, et al. Dupilumab treatment in adults with moderate-to-severe atopic dermatitis. N Engl J Med. 2014 Jul 10;371(2):130-9.

Sources des Illustrations: Club Dermaweb/ Dr Daniel Wallach