L'uso dei dermocorticoidi

I dermocorticoidi sono dei farmaci usati sin dal 1950 per trattare localmente diverse affezioni dermatologiche. Si presentano in creme, pomate o lozioni a base di cortisone.

I dermocorticoidi sono delle creme a base di cortisone usate per il loro potere antinfiammatorio sulla cute.

Perché ricorrere ai dermocorticoidi?

Sono indispensabili perché sono gli unici in grado di ridurre progressivamente l'infiammazione (annullando i fenomeni acuti) e tutti i segni che ne seguono:

  • Riduzione delle lesioni arrossate e essudanti

  • Riduzione del rossore e del gonfiore

  • Riduzione delle placche ispessite

dermocorticoidi eczema atopico

Quando usare i dermocorticoidi?

  • Applicare il dermocorticoide una volta al giorno sino a completa scomparsa delle lesioni infiammatorie
  • Riprendere l'applicazione del dermocorticoide non appena riappaiono gli arrossamenti

Come usarli?

  • Applicare il dermocorticoide solo sulle zone infiammatorie, sforando leggermente, non appena insorgono le lesioni

Quanto?

  • Seguendo la «regola della falangetta», una quantità applicata sull'indice deve poter coprire una superficie cutanea pari a due palmi della mano (un'unità falangetta equivale a 0,5 g di prodotto)

buon-uso-dei-dermocorticosteroidi-eczema-atopico

Cosa significa fare un buon uso dei dermocorticosteroidi?

  1.  Seguire i consigli del proprio medico
  • Secondo la localizzazione delle placche rosse e del loro aspetto secco o essudante, vi prescriverà una crema, una pomata o una lozione
  • Secondo l'intensità delle placche, vi prescriverà un dermocorticoide più o meno forte.

 

  1.  Applicare bene nella giusta dose, il tempo necessario.
  • Applicarne non appena insorgono gli arrossamenti e sino a quando siano completamente spariti (la media d'uso varia da 1 a 2 settimane)
  • Metterne sufficientemente: usare la buona dose determinando la quantità secondo la regola (di cui sopra): una dose di crema sull'ultima falange dell'indice corrisponde ad una superficie arrossata pari a due vostri palmi.

 

  1. Vi sono delle regole da rispettare
  • Applicarli 1 volte al giorno di preferenza la sera (salvo per i lattanti per i quali il dermocorticoide deve essere applicato al mattino sotto i pannolini, per evitare una macerazione durante la notte)
  • Non applicare i dermocorticoidi sul volto senza il parere del medico
  • Sospendere dall'oggi al domani quando gli arrossamenti sono scomparsi del tutto e al minimo segno di riapparizione applicarne di nuovo in buona quantità
  • Non applicare i dermocorticoidi in presenza di essudato un po' giallastro che può indicare la presenza di un'infezione

Come applicare il tuo dermocorticoide in immagini

Vi sono degli effetti secondari?

Sì, vi sono degli effetti secondari cutanei ma unicamente se non vengono usati correttamente: un corticoide mal adattato e applicato per troppo tempo.

Effetti cutanei secondari:

  • atrofia cutanea
  • smagliature
  • disturbi pigmentari
  • capillari apparenti
  • acne sul volto
  • ipertricosi
  • sovrainfezioni batteriche, virali, fungine.

La  penetrazione dei dermocorticoidi attraverso la cute è limitatissima e non ha nessuna conseguenza generale alle dosi raccomandate e sul breve termine (è per questo che bisogna mettere la giusta dose che sarà efficace per 2 o 3 settimane). Al contrario, una dose insufficiente rischia di "cronicizzare" la patologia.
 Chiaramente, se i dermocorticoidi sono applicati su una grande superficie a dei bambini molto piccoli e per lungo tempo (attenzione all'uso incorretto),
 si raccomanda di chiedere al pediatra di controllare regolarmente la curva del peso. Gli effetti secondari (insorgenza di capillari,  pelle più fina, depigmentazione) compaiono solo con un uso prolungato (e soprattutto i DC forti). Se doveste, comunque, avere delle domande o delle paure riguardo l'uso dei dermocorticoidi, parlatene con il vostro medico, dermatologo o il vostro farmacista.

Spesso si fa un tutt'uno tra i dermocorticoidi e il cortisone presi per via orale; molti pazienti o genitori hanno paura ad usare i corticoidi (stando ad uno studio svolto dall'Instituto delle Mamme per la Fondazione per la Dermatite Atopica).