Brevi d’esperti : Vergogna e sensodi colpa nell’eczema

Mar, 07/06/2016 - 17:15
Vergogna e sensodi colpa nell’eczema

Della Dr.ssa BOURREL

La vergogna e il senso di colpa sono degli elementi dolorosi supplementari in tutte le malattie della pelle. Colpiscono tanto i malati quanto i familiari. Riguardo ai bambini, bisogna superare l’età del pudore (6/7anni) per che inizino a vergognarsi della loro pelle.

Vi sono varie ragioni alla base di questi sentimenti distruttivi:

  • I genitori pensano di essere responsabili della malattia del figlio, laddove la dermatite atopica è una malattia della pelle che non è abbastanza stagna. E’ la conseguenza del mondo moderno, del modo di vita urbano, del calo del numero delle malattie infettive, dell’alimentazione moderna, del cambiamento della flora cutanea e digestiva…
  • Una malattia cronica, visibile, rinvia il genitore, i genitori alle nozioni d’impotenza, d’incapacità di gestire la situazione.
  • Il tutto allergico o il tutto psicologico domina le spiegazioni correnti.
  • Il tutto allergico obbliga a trovare qual è l’allergene in causa. Non riuscire a trovarlo è ancora una fonte di penalizzazione
  • Il tutto psicologico accusa le madri di tutti i mali, mentre si angoscia di non trovare la soluzione.
  • La trappola, è effettivamente l’angoscia: più la madre si angoscia, più il bambino percepisce la sua angoscia, e più gli ormoni dello stress fanno uscire l’eczema. Tutto passa attraverso lo sguardo, e le cure della pelle salderanno la relazione madre / figlio, laddove questa dovrebbe lentamente evolvere verso l’autonomia del figlio. Poco a poco il figlio si crede colpevole dell’angoscia che provoca alla madre, vi è una confusione, d’identificazione tra l’eczema e lui. Quest’ambiguità è all’origine dell’angoscia da separazione, cioè il figlio vorrebbe tagliare il cordone ma si crede responsabile di fare del male ai suoi genitori. Alcune riacutizzazioni d’eczema si articolano in questa difficoltà, soprattutto quando i figli devono partire per andare a studiare altrove.
  • E la trappola si richiude ancor di più, se allo stadio della definizione del pudore, le cure emollienti continuano ad essere applicate dai genitori. Se le cure sono sempre fatte dai genitori, il bambino non può definire il suo pudore, stadio ineluttabile simbolo della frontiera di quanto permesso o no, visibile o no, privato o no, intimo o no. E’ proprio dall’assenza della creazione di questa frontiera simboleggiata dalla pelle, che nascerà dunque la vergogna.

Le soluzioni proposte:

  • Evitare di guardare la pelle del figlio con angoscia, ma solo con amore, non scrutare ogni giorno dove sono le placche, parlarne il meno possibile, parlare della vita di tutti i giorni, della scuola, degli amici, dei compiti…
  • Insegnare quanto prima al figlio come farsi da solo le cure, non importa se non è perfetto.
  • Proporre delle visite dal medico dedicate ai genitori affinché possano esprimere la loro sofferenza senza la presenza del figlio. Le persone che aiutano hanno anch’esse bisogno di considerazione e attenzione.
  • Partecipare a delle sedute d’educazione terapeutica nei centri di riferimento. Queste sedute offrono del tempo per meglio capire la malattia, meglio capire i trattamenti ma anche per parlare delle proprie difficoltà, parlare con altri pazienti, sentirsi meno soli e soprattutto non sentirsi colpevoli.

PDF iconvergogna-e-sensodi-colpa-nell-eczema-it.pdf