Nuoto e dermatite atopica

Gio, 21/07/2016 - 10:15
Nuoto e dermatite atopica

Quali precauzioni prendere per fare il bagno?

Le vacanze sono ormai dietro l'angolo come pure la gran voglia di farsi un tuffo in piscina o al mare. Ma il cloro e il sale del mare possono irritare una pelle secca o atopica. Trucchi e astuzie per lasciare negli spogliatoi i problemi di pelle.

Fuori dai periodi di riacutizzazione, alle persone atopiche non è vietato farsi un bagno. Anche se l'acqua pizzica un pò i primi due o tre giorni, delle cure cutanee regolari (crema emolliente, dermocorticoidi, ecc.) consentono di migliorare rapidamente le cose in modo che il bambino possa godersi pienamente i giochi acquatici.

 

natation et eczéma atopiqueIN PISCINA

Prima del bagno
L'applicazione di un latte o di una crema emolliente, e poi di una crema barriera, crea una pellicola idrolipidica che isolerà la cute dagli agenti irritanti.


Dopo il bagno
Dopo ogni bagno, è indispensabile farsi una doccia d'acqua dolce, contando sino a 30 per essere sicuri che sia efficace. Bisogna asciugarsi tamponando senza strofinare, con un asciugamano che non sia stato fatto asciugare all'aperto, in quanto la presenza di pollini o altri allergeni potrebbe attivare l'infiammazione.

Il rientro a casa

Si raccomanda di fare la propria toilette con un gel detergente al rame e allo zinco. Dopo essersi asciugati dolcemente si applica un emolliente. In presenza di lesioni d'eczema umide, si consiglia di applicare sulle zone che prudono uno strato spesso di dermocorticoide.

Cosa mettere nella sacca della piscina?

Le mie cose indispensabili

  • costume,
  • asciugamano di spugna in puro cotone o microfibra molto morbida,
  • occhialini da nuoto di preferenza in silicone,
  • cuffia di preferenza di stoffa o in silicone.

I miei prodotti per l'igiene e le cure adatti alla mia pelle

  • prodotto per lavarsi,
  • crema idratante,
  • crema solare.

Evitiamo di prendere quelli degli amici ...

eczema atopique et merAL MARE


La mattina prima di andare in spiaggia
Come per la piscina, l'emolliente sotto forma di latte o di crema deve essere applicato prima di fare il bagno. Per la spiaggia è più pratico l'uso di una crema barriera a base di silicone e non grassa che ridurrà l'adesione della sabbia.

Dopo ogni bagno
E' indispendabile fare una doccia con l'acqua dolce e riapplicare la crema solare dopo ogni bagno, anche se i bagni sono molto ravvicinati.
Poi, bisogna asciugarsi con un asciugamano pulito. Attenzione all'effetto "cartavetrata" di un asciugamano pieno di sabbia!

A fine giornata
Rientrando, un buona doccia e l'uso di un gel detergente surgras senza sapone né profumo permettono di eliminare le creme e il sale. Bisogna risciacquarsi almeno per 3 minuti e asciugarsi poi con un asciugamano morbido.
Si applicherà  in seguito un dermocorticoide sulle zone irritate se necessario e l'emolliente abituale (latte o crema) sulle zone non irritate.

 

eczema atopique et soleilSOLE CON MODERAZIONE

Il bambino atopico può esporsi al sole a condizione che usi una crema ad alto indice di protezione solare (indice 50) di preferenza minerale, senza filtri chimici o per lo meno senza profumo. Va applicata in uno strato spesso (la pelle deve restare un po' bianca) affinché la protezione sia efficace. Gli spray e gli olii abbronzanti sono sconsigliati in quanto non permettono di applicare uno strato sufficientemente spesso.
Se si fa un nuovo bagno, bisognerà ripretere tutta l'operazione alternando prima del bagno la crema barriera e la crema solare dopo il bagno.
Inoltre, le pelli atopiche come le altre devono essere protette da un'eccessiva esposizione (magliette, cappellino, occhiali da sole e ombrellone) in particolar  modo nelle ore centrali più calde tra le 2 e le 16. Bisogna anche ricordarsi di bere regolarmente dell'acqua per idratarsi.
In caso di colpo di sole, si consiglia la trolamina (Biafine ®) o un altro prodotto a base d'enossolone prima di applicare un emolliente. Sconsigliati invece i latti dopo sole mentolati e/o profumati.

VERO o FALSO

"Il nuoto è sconsigliato in caso di eczema."

FALSO! Imparare a nuotare è indispensabile,  con alcune precauzioni.

I bagni in piscina aggravano l'eczema poiché la temperatura dell'acqua della piscina oscilla tra i 28 e il 30º C. A casa, fare attenzione che la temperatura dell'acqua del bagno non superi i 35º C. 

"L'acqua della piscina può seccare la pelle."

VERO! Si raccomanda, dunque, di risciacquarsi bene e di applicare un prodotto idratante dopo il bagno in piscina.

"Dopo un bagno in piscina bisogna insaponarsi bene."

FALSO! I saponi, anche liquidi, aggravano la secchezza cutanea.

"Il sole aggrava l'eczema."

FALSO! Il sole è in genere benefico per l'eczema ma bisogna comunque evitare i colpi di sole quando si resta molto tempo all'aperto.

ASTUZIE

  • Quando si fa il bagno all'aperto, ricordarsi di proteggersi con una crema solare. I raggi UV penetrano sino a 40 cm nell'acqua!
  • L'acqua salata rischia di pizzicare sulle spaccature. Pensare ad applicare il dermocorticoide i giorni prima di andare al mare.
  • Scegliere dei prodotti per l'igiene e cura per pelli atopiche, senza profumi, e, con il meno possibile di conserventi.

Le 5 regole d'oro

  1. "Riscaldati": Prima di tuffarsi di testa, fare alcuni esercizi di riscaldamento per stendere il collo, le braccia e i polsi.
  2. "Pensa a respirare" : Inspira brevemente riempiendo "a fondo" i tuoi polmoni, e poi espira, lentamente nell'acqua.
  3. "Stirati": Dopo l'allenamento, trova il tempo per rilassarti sotto la doccia. 2 ore dopo, stirati lentamente e senza forzare.
  4. "Bevi": E' importante bere un po' prima, durante e dopo il tuo allenamento.
  5. "Sii regolare": Non serve a nulla nuotare 1000 m un giorno e poi riporre il tuo bel costume. Solo con regolarità si ottengono i benefici dello sport